sabato 28 dicembre 2013

UN PARTY CHE CELEBRA LUCA MANFÉ VINCITORE MASTERCHEF USA





Party Friulano per il vincitore di Masterchef USA. Una tappa obbligata, che si è svolta all'interno di una singolare location, Opium Restaurant, in Friuli, il 27 Dicembre. Un evento che mette in scena tutto il talento del giovane chef, mosso da una passione per la cucina, e dalle tradizioni della sua terra.

New York è la sua citta adottiva, che ha dato inizio al suo percorso nel settore. 
La sua ricetta? Determinazione, umiltà, attendere il momento giusto per dimostrare le sue doti. Attitudini che l'hanno portato alla vittoria, sbaragliando agguerriti concorrenti.

Spirito Italiano, con quella irrefrenabile marcia in più, la voglia di arrivare. Pochi avrebbero scommesso in una cosi accelerata rimonta. Aveva convito poco i giudici di Masterchef, ma evidentemente il talento non è passato inosservato. Una seconda chance, ed ecco: il gioco è fatto! Il trofeo alzato al cielo, era quello nelle sue mani. 

Il menu della serata ha voluto omaggiare i piatti che l'hanno reso noto, in particolar modo fra tutti, la sua oramai famosa panna cotta al  basilico. Un tripudio alla Nazione messa in atto, accostando materie prime simbolo del Bel Paese.


Dopo il primo assaggio, Tataxi di Fassona su spuma di sedano rapa, e riduzione di Piculit neri, siamo stati deliziati da una tartare di manzo, battuta al coltello, sapore delicato di poche pretese, ma assolutamente squisita. 

Un unico primo, tagliolini con crema di burro di malga e caviale di tartufo nero. La scelta degli ingredienti lo rendono un piatto dai sapori decisi. Il caviale smussa un po' l'anima forte del burro di malga che prevale in primis. Costolette di manzo con glassa al tamarindo e balsamico su spuma di topinambur: un secondo per palati sofisticati che è ciò che lo rende così equilibrato.  

Il vino è stato perfettamente abbinato, ad ogni pietanza, dal Prosecco Extra Dry millesimato DOCG di Valdobiadene,  al Sagrato rosso 2008, presenti anche altre etichette, (Malvasia Istriana DOCG 2012  e Red Angel Ermann 2011). La scelta è stata imposta dal nostro soggettivo gusto personale.
Joe Bastianich ha messo a disposizione le sue cantine: Cividale del Friuli.

Un percorso gastronomico che ci ha permesso di apprezzare l'impegno e il nascere di una cucina diversamente nota che porta la firma di un promettente giovane chef emergente.

Ringrazio calorosamente Sofia Galluzzi, appassionata e intenditrice del settore, e Giuseppe Foti Rossito, compagno sincero delle nostre gite Enogastronomiche fuoripista.


Isabella Scuderi


Nessun commento:

Posta un commento

Premio Versilia Gourmet 2017

Ieri 19 giugno 2017 si è svolto il premio Versilia Gourmet 2017:Il nostro inviato Massimo Gelati era presente per un reportage co...